27 Nov '14

artedelriciclo

Marina Galatioto, scrittrice, giornalista, blogger, ghost writer, sceneggiatrice. Collabora con le maggiori riviste femminili per le quali scrive racconti e romanzi e con diverse testate online.

0 Shares

Inquinamento dell’aria

inquinamento dell'aria

inquinamento dell’aria

La Terra è avvolta dall’atmosfera, l’aria che respiriamo e da cui dipende la vita dell’uomo, degli animali e delle piante, in sostanza di tutti gli esseri viventi, che ne utilizzano i componenti per la respirazione (ossigeno) e per la fotosintesi (anidride carbonica).

Le piante utilizzano l’anidride carbonica e la trasformano, ma quando questa, che viene prodotta da incendi, combustione del petrolio, uso del riscaldamento domestico, dei mezzi di trasporto, dall’attività industriale, è troppa e le piante non ce la fanno più si ha l’effetto serra.

Cos’è l’effetto serra

In pratica l’anidride carbonica si accumula, insieme ad altri gas, nell’atmosfera e crea una specie di  barriera che non fa uscire le radiazioni di calore che la Terra riflette, ma fa penetrare quelle del Sole.

Si viene così a creare un innalzamento della temperatura del pianeta via via che l’effetto serra aumenta. È a causa di questo che i ghiacci si sciolgono e il clima è così variabile. Per ovviare a questo grosso problema andrebbero presi dei seri provvedimenti con l’uso di energie alternative.

 

Altri agenti inquinanti dell’aria e problemi

Buco del’ozono

Un altro effetto dell’immissione nell’atmosfera di prodotti chimici utilizzate prima nelle bombolette spray, poi negli impianti frigoriferi e di condizionamento, è stato il “buco dell’ozono”. Via via sempre più paesi hanno sostituito questi prodotti chimici con altri a impatto ambientale inferiore e iniziato a riciclare per cercare di contenere l’inquinamento dell’aria.

Quando lo strato di ozono che protegge la Terra dai raggi ultravioletti del Sole si assottiglia questi possono passare e raggiungere il pianeta e le persone. I raggi causano la diminuzione del plancton e tumori alla pelle.

Piogge acide

Sono create dalla combustione di carbone, dei prodotti petroliferi e altri gas nocivi come zolfo e ossidi di azoto che, componendosi con l’acqua, formano dei composti acidi. Una volta che cadono sulla terra, insieme appunto all’acqua delle piogge, causano deterioramenti a monumenti e palazzi ma, ancora peggio, provocano distruzione di fauna e flora, danneggiano foreste intere.

Il problema delle piogge acide è che il vapore acqueo sale fino all’atmosfera, poi viene trasportato dal vento e, per effetto delle correnti, finisce per cadere sotto forma di piogge acide da un’altra parte.

Carburanti puliti, ecologici e fabbriche meno inquinanti sarebbero un bel passo avanti per il benessere del pianeta, oltre che nostro.

Ma la forma di inquinamento più diffusa è lo

Smog

Cos’è? Una mescolanza tossica di gas e polveri prodotta dall’insieme degli scarichi dei mezzi di trasporto (tra i peggiori ci sono gli aerei) e dagli impianti di riscaldamento che contribuisce all’inquinamento dell’aria. Nelle città ci sono centraline che monitorano il livello di smog per cercare di contenerlo entro i limiti fissati. Per questo a volte la domenica non si può girare in macchina o venivano fatte circolare le auto a targhe alterne.

Dove non c’è aria pura non troverai nè api, nè licheni, due esseri viventi che non tollerano nell’aria la presenza di sostanze nocive. L’inquinamento dell’aria è un grave problema da risolvere.

 

photo credits | earthtimes

About artedelriciclo

Marina Galatioto, scrittrice, giornalista, blogger, ghost writer, sceneggiatrice. Collabora con le maggiori riviste femminili per le quali scrive racconti e romanzi e con diverse testate online.

Related Posts

There is One Comment.

  1. Pingback: Eco friendly – Teki Emergency House

Lascia un commento

loading...