Riciclo in casa per difendere l’ambiente

riciclo in casa

Il riciclo è importante perché aiuta a difendere l’ambiente e a contenere l’inquinamento. Ecco come fare il riciclo in casa dei più comuni oggetti e materiali.

Caricamento in corso ...

Il benessere dell’ambiente dovrebbe stare a cuore a chiunque abiti sul pianeta Terra. Per noi e per i nostri figli, e per i figli dei nostri figli e tutte le generazioni future dovremmo impegnarci a fare del nostro meglio.

Facciamo chiarezza tra i più comuni materiali e scarti domestici per vedere come devono essere riciclati.

Carta e Cartone

Ci sono molti imballaggi di carta e cartone, ma non tutti possono essere riciclati allo stesso modo. Per esempio il cartone della pizza se è unto non può essere assimilato alla carta e cartone e va gettato nell’indifferenziata. Per evitare sprechi potete separare la parte unta che va nell’indifferenziata dalla parte di cartone pulita che può essere smaltita insieme alla carta.

I tovaglioli di carta NON vanno gettati insieme a carta e cartone bensì nell’umido.

Se sul cartone c’è del nastro adesivo, o della plastica, questa va tolta e smaltita separatamente.

Plastica

Non tutta la plastica è riciclabile e bisogna capire di che tipo si tratti prima di destinarla ad uno o all’altro sacchetto. Ad esempio le bottiglie di acqua e bibite, i flaconi dello shampoo o dei detersivi così come le vaschette nelle quali pongono le verdure per la vendita sono riciclabili come plastica.

I sacchetti di plastica, quelli che ora non si dovrebbero più utilizzare, ma anche i giocattoli o altri oggetti di plastica non vanno riciclati come plastica bensì posti nel sacchetto dell’indifferenziata. I piatti di di plastica, preventivamente sciacquati dopo l’uso vanno nel sacchetto della plastica. Le posate no.

simbolo del riciclo

Per semplificare la decisione sappi che si può riciclare solo la plastica che riporta la scritta PET o che ha stampigliato sopra un triangolino con delle freccine e un numero all’interno. Se non c’è e trovi stampigliato un omino vicino ad un cestino devi mettere quella plastica nell’indifferenziata.

ambiente, difendilo così

Capsule del caffè

Devi buttarle nel sacco nero, a meno che nell’isola ecologica che raccoglie gli scarti non ci sia uno scomparto apposito.

Cotton fioc e filo interdentale, preservativi

Sempre nell’indifferenziata. Guai a buttarli nel gabinetto. Non solo rischi di otturarlo, ma finirebbero in mare e in seguito sulle spiagge creando davvero un grave problema.

Raee e lampadine

In questa categoria ci sono elettrodomestici grandi e piccoli. Ne fanno parte anche gli asciugacapelli, i rasoi e elettrici e le lampadine. Quando se ne rompe uno lo porti dove acquisterai quello nuovo. Sono obbligati per legge al ritiro e allo smaltimento. È così anche per le lampadine che non vanno assimilate al vetro.

Indifferenziato

Tutto ciò che non ha una sua collocazione va nell’indifferenziato. Esempio ne sono gli scontrini degli acquisti (non è carta), la ceramica, le pentole di coccio, i vasi di terracotta. Se hai un dubbio infila nell’indifferenziato!

Fumi?

La plastichina del pacchetto di sigarette va nell’indifferenziata mentre il pacchetto nella carta. Il sottile strato di di alluminio all’interno andrà smaltito con il vetro, così come tutto ciò che è alluminio, ma solo se è pulito.

Leggi anche

 

TI piacciono i nostri articoli iscriviti al blog

Vota anche tu!
[Total: 1 Average: 5]
Loading...

Marina Galatioto

Marina Galatioto, scrittrice, giornalista, blogger, ghost writer, sceneggiatrice. Collabora con le maggiori riviste femminili per le quali scrive racconti e romanzi e con diverse testate online.

Marina Galatioto ha 90 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Marina Galatioto

Ciao! Lascia un Commento ci fa Piacere Leggerti!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: